Home Comunicati stampa Cinema: “Cannibal Club” di Guto Parente vince il Lucca Film Festival...

Cinema: “Cannibal Club” di Guto Parente vince il Lucca Film Festival e Europa Cinema 2018

1667
0
SHARE

Il film rappresenta con macabra ironia la classe dirigente di un Brasile sull’orlo del baratro

È il brasiliano Cannibal Club di Guto Parente il film vincitore del Concorso Internazionale dei lungometraggi del Lucca Film Festival e Europa Cinema che chiude oggi il programma dell’edizione 2018.

Il premio (3.000 euro) per il Miglior Lungometraggio è stato assegnato dalla giuria, composta dai registi Daniele GaglianoneIrene Dioniso e Paola Randi. “Per la feroce ironia – si legge nelle motivazioni della giuria – con la quale racconta la violenza del potere utilizzando il genere horror come chiave di lettura della realtà”. I protagonisti del film sono una coppia molto ricca che organizza fastose cene sul proprio yatch in cui offre ai propri ospiti carne umana: una metafora horror che affronta da un punto di vista inedito la situazione politica del Brasile.

 


Al film “Gutland” di Govinda Van Maele assegnato il premio delle giurie studentesche.

Gutland (Germania, 2017) di Govinda Van Maele vince il premio Miglior Lungometraggio assegnato dalla giuria studentesca, composta da studenti proveniente da tutte le università d’Italia. Il film è un noir rurale ambientato in un piccolo paesino della campagna tedesca, che viene sconvolto dall’arrivo di uno sconosciuto che farà emergere segreti nascosti nel passato.

Verdetto unanime invece per la giuria studentesca e per quella di qualità, composta dal regista Luca Ferri, la visual artist e disegnatrice Laurina Paperina e Astra Zoldnere, regista e curatrice del 2Annas Riga International Film Festival.


“Hoissuru” di Armand Rovira si è aggiudicato il primo premio del Concorso Internazionale dei Cortometraggi.

Il vincitore del premio per il Miglior Cortometraggio (500 euro), e per il Miglior Cortometraggio – giuria studentesca, è lo spagnolo Hoissuru (Spagna, 2017) di Armand Rovira. “Un film in bianco e nero meravigliosamente realizzato, che unisce musica, poesia, dramma e misticismo” – leggiamo nelle motivazioni – “Un film che coniuga perfettamente da un lato il racconto del mondo dell’arte contemporanea, e dall’altro il ricordo di grandi maestri del cinema come Bergman e Chris Marker. Mostrandoci una visione personale e decisamente indipendente Arman Rovira porta lo spettatore in un’altra dimensione”.

segreteria@luccafilmfestival.it
Per info: 331 847 9463 (Lucia Pieroni)

Cinema Astra: via della Dogana, 7; 0583 496480
Cinema Centrale: via di Poggio, 36; 0583 55405
Teatro del Giglio: piazza del Giglio, 13, 15; 0583.46531
Auditorium “Vincenzo da Massa Carrara” via San Micheletto, 2