Home Comunicati stampa Picasso e Matisse concludono il ciclo di documentari “Il genio in opera”

Picasso e Matisse concludono il ciclo di documentari “Il genio in opera”

578
0
SHARE
Please note mandatory byline © 2015 Estate of Pablo Picasso / ARN Les femmes d'Alger (Version "O") by Pablo Picasso. See SWNS story SWPICASSO; A Picasso masterpiece has become the most expensive painting ever sold at auction when it goes under the hammer with a $179,365,000 sale price. ‘Les femmes d’Alger’ is a “majestic, vibrantly-hued painting” which was inspired by the 19th century French master Eugene Delacroix. The Women of Algiers in their Apartment was a famous 1834 painting by Delacroix which is currently located in the Louvre, Paris. Picasso created 15 variations of it between 1954 and 1955 - with this piece the final, and most highly finished version.

IL GENIO IN OPERA
L’arte sullo schermo

Ultimo appuntamento del ciclo di proiezioni dedicate ai maestri della storia dell’arte

Pablo Picasso e Henri Matisse

 

Fondazione Ragghianti
Sala conferenze “Vincenzo da Massa Carrara”
Via San Micheletto 3, Lucca

sabato 17 febbraio 2018, ore 17:30

Ingresso libero

Sabato 17 febbraio alle ore 17:30 si chiude, nella Sala conferenze “Vincenzo da Massa Carrara” della Fondazione Ragghianti, nel Complesso di San Micheletto (in via San Micheletto 3 a Lucca), il ciclo di proiezioni “Il genio in opera”, promosso dalla Fondazione Ragghianti in collaborazione con l’Opera del Duomo e il Lucca Film Festival – Europa Cinema, e con il sostegno di Artemachina.

Il ciclo, che ha riscosso un grande successo di pubblico, prende spunto dall’attività pionieristica e teorica di Carlo Ludovico Ragghianti nell’ambito dell’utilizzo del medium audiovisivo come strumento per illustrare l’opera d’arte e il processo creativo che la genera, e cade anche in concomitanza con la celebrazione dell’Anno Europeo del Patrimonio Culturale, promosso dalla Comunità Europea per il 2018.

Henri Matisse e Pablo Picasso sono i protagonisti dell’ultimo incontro-proiezione di sabato 17 febbraio, al centro di un’indagine che prende avvio da due opere specifiche, che rappresentano periodi creativi particolari nelle loro carriere, per allargarsi ad aspetti tecnici e storico-biografici.

Il documentario su Matisse illustra – attraverso filmati e fotografie d’archivio – il periodo in cui il pittore, ormai anziano e stanco, reduce da due delicati interventi chirurgici, nel 1952 realizzò, in stato di seminfermità, dal letto e dalla sedia a rotelle, l’opera “La tristezza del re”, oggi esposta al Centre Georges Pompidou di Parigi. Tecnicamente si tratta di papiers gouachés découpés, ossia di un collage ottenuto tagliando con le forbici forme e figure, poi colorate e incollate su un supporto: è un modo di lavorare che dava a Matisse l’impressione di scolpire mentre dipingeva, come ricorda lui stesso. Le immagini ci mostrano come le opere, che sanciscono una nuova stagione creativa per l’anziano Matisse, sfruttino una tecnica da lui elaborata negli anni Trenta per realizzare i tre grandi pannelli della “Danza” per la Fondazione Barnes a Philadelphia, e poi la famosa pubblicazione, per le edizioni Tériade, di “Jazz”, libro a tiratura limitata contenente stampe a colori accompagnate da scritti dell’artista.

Pablo Picasso, che raramente si era occupato di temi religiosi, nel 1930, a quarantotto anni, già ricco e famoso, dipinge un’opera insolita, la “Crocefissione”, ora conservata al Museo Nazionale Picasso di Parigi. Il filmato ci mostra anche precedenti lavori legati al tema, tra cui un raro disegno del 1892, realizzato da un Picasso appena undicenne, altri di poco successivi, del 1896, e tutta una serie che spazia dal periodo cubista fino agli anni Trenta.

I due filmati proposti, ciascuno della durata di 30 minuti, grazie al contributo di illustri studiosi e alla collaborazione di prestigiose istituzioni museali mostrano in maniera esaustiva i diversi aspetti della genesi di queste due opere di Matisse e di Picasso. Dalle influenze esercitate su di loro, relativamente alle opere in oggetto, dal “Bagno turco” di Ingres, dalle “Donne di Algeri” di Delacroix e dal “Saul” di Rembrandt, all’attrazione di Matisse per la poesia di Baudelaire, passando per le miniature dell’“Apocalisse di Saint-Sever” descritte da Georges Bataille (amico di Picasso) sulla rivista «Documents» nel 1929, la “Crocifissione di Isenheim” di Grünewald e le incisioni delle “Miserie della Guerra” di Jacques Callot.

Una descrizione dei dettagli tecnici accurata e resa con una sintassi visuale e una regia calibrata ci mostra i procedimenti attraverso i quali Matisse preparava le sue gouaches, e il modo in cui Picasso dipingeva a olio la “Crocefissione” direttamente sulla tavola, senza preparazione.

La proiezione di sabato 17 febbraio sarà introdotta dal direttore della Fondazione Ragghianti Paolo Bolpagni.

L’incontro è a ingresso libero.

PROGRAMMA DELLA PROIEZIONE

Fondazione Ragghianti, Sala conferenze “Vincenzo da Massa Carrara”, sabato 17 febbraio 2018, ore 17:30

I Moderni. Fra tradizione e innovazione

Pablo Picasso. Crocifissione (30 minuti)

Henri Matisse. La tristezza del re (30 minuti)