Aspettando Lucca Film Festival 2018: The Florida Project

Facebook
WhatsApp
Twitter
The Florida Project

L’atteso film di Sean Baker“The Florida project”, arriverà in sala in primavera col titolo italiano “Un sogno chiamato Florida”.

The Florida Project è il secondo film della carriera di Baker ad essere girato in 35mm.

Questa pellicola ci spinge a toglierci gli occhiali rosa e scavare sotto la superficie, che non è solo glitter e arcobaleni.

Perché abbiamo utilizzato proprio questa metafora che richiama il mondo infantile?

Il motivo risiede nella storia del film: ad un passo di distanza dal Walt Disney World Resort, alla periferia di Orlando, è presente una serie di squallidi motel dalle pareti coloratissime a celare il grigiore – economico, sociale, emotivo – dei suoi occupanti.

Gli abitanti di questi castelli desolati vengono lasciati soli dalle autorità, mentre a pochi km, separati da strade con nomi da favola, come Seven Dwarfs Lane (via dei Sette Nani, nda) c’è una delle macchine attira-soldi più grandi degli Stati Uniti.

In uno degli appartamenti senza cucina del “Magic Castle Motel”, vivono Moonee (l’incredibile Brooklynn Prince), sei anni, e sua madre Halley (l’esordiente Bria Vinaite), circa sulla ventina.

Moonee passa le giornate estive coi suoi amici Scooty e Dicky, a cui si aggiungerà la piccola Jancey da uno dei motel vicini.

I loro giochi sono un misto di fantasia, quella fantasia di cui solo chi ha poco o niente è dotato, e di illegalità, quell’insieme di marachelle, piccoli furti e comportamenti antisociali che assurgono ad atti rivoluzionari contro il sistema.

In mezzo a tutto il trambusto, c’è un Willem Defoe che regala una delle sue interpretazioni più belle e limpide della sua carriera.

Guardiano del Magic Kingdom, il suo Bobby è il paziente, ma severo protettore di un mondo che senza controllo rischierebbe di crollare.

Il Sight and Sound ha messo al 9° posto nella top 25 dei migliori film dell’anno al pari del Los Angeles Times. Un sogno chiamato Florida è stato premiato come Miglior Film dall’American Film Institute Awards e tra gli altri riconoscimenti vanta il Toronto Film Critics Associations Award, il San Francisco Film Critics Awards e il Los Angeles Film Critics Association Award (Miglior attore non protagonista), il New York Film Critics Circle Awards (Miglior regia e Miglior attore non protagonista).

Ecco il trailer: