Mediterraneo

Scheda Film

Paese, anno: Italia, 1991
Lingua Originale: Italiano
Durata: 100′
Colore: colore
Fuoriconcorso:

Regia: Gabriele Salvatores

Interpreti: Claudio Bigagli, Diego Abatantuono, Giuseppe Cederna, Ugo Conti, Gigio Alberti, Luigi Montini, Vasco Mirandola, Memo Dini, Vanna Barba, Antonio Catania, Claudio Bisio

Sceneggiatura: Enzo Monteleone

Montaggio: Nino Baragli

Produzione: A.M.A. Film, Penta Films, Silvio Berlusconi Communications

Costumi: Francesco Panni

Musica: Giancarlo Bigazzi, Marco Falagiani

Fotografia: Italo Petriccione

Sottotitoli:

Prima Mondiale:

Informazioni sulla Proiezione

  Sede: Cinema Astra | Data: 10/10/2021 ore 21

– | –

Sinossi

Nella primavera 1941, durante la seconda guerra mondiale, otto militari italiani ricevono l’ordine di riprendere e presidiare l’isola greca di Syrna, sul mare Egeo, appartenente all’Italia dal 1920 e recentemente abbandonata dai tedeschi. Vi sbarcano cautamente da una piccola nave da guerra, senza trovare resistenza: l’isola appare deserta. Gli otto componenti il presidio sono un campionario pittoresco di sprovveduti. Il tenente Montini che li comanda è un trasognato cultore di poesia e pittura, perduto nel ricordo di Omero; il suo attendente, Farina, un timido tutto “signorsi’”; il mulattiere Strazzabosco, unicamente concentrato sulla sua mula spelacchiata e azzoppata; il marconista Colasanti, un inetto: i fratelli Libero e Felice Munaron, due nostaligici della montagna natia, da cui si trovano lontani per la prima volta; Noventa, un impaurito, sempre in cerca di un’occasione di fuga: il sergente Lo Russo ha velleità militaresche, punteggiate da divertenti smargiassate. Nell’isola deserta non accade nulla per vari giorni, e gli otto finiscono col sentirsi ignorati e inutili. Quando poi la nave viene affondata da ignoti sabotatori e la radio messa fuori uso dall’incuria di Colasanti, il loro isolamento è totale. Ma ecco affacciarsi da un imprevedibile nascondiglio qualcuno e poi altri dei rari abitanti, che poi simpatizzano con gli occupanti. Così il tenente Montini trova modo di sbizzarrirsi, dedicandosi a un estroso “restauro” della chiesetta dell’isola; i due fratelli montanari si invaghiscono di una pastorella e l’intero presidio trova a turno qualche fuggevole passatempo con Vassilissa, la prostituta del luogo, in precedenza a servizio dei tedeschi. In seguito vengono pure derubati delle poche armi, e finiscono naturalizzati isolani. Finchè un aereo da ricognizione in avaria atterra a Syrna e il pilota informa il “presidio” che la guerra è finita. Ripartito, segnala a un comando il gruppo degli sperduti, che vengono rimpatriati, ad eccezione di Farina, che sceglie di restare nell’isola e sposa Vassilissa, l’unica donna della sua vita. Trascorsi molti anni Montini torna nell’isola; vi ritrova Farina, oramai vedovo, in compagnia di Lo Russo che, deluso delle vicende italiane, si è ritirato a Syrna.

Galleria Immagini