Silvio Orlando a Lucca Film Festival

Set  del film “Il bambino nascosto” di Roberto Andò, 2020.
Nella foto Silvio Orlando e Giuseppe Pirozzi.
Foto di Lia Pasqualino.
Questa fotografia è solo per uso editoriale, il  diritto d'autore è della società cinematografica e del fotografo assegnato dalla società di produzione del film  e può essere riprodotto solo da pubblicazioni in concomitanza con la promozione del film. 
E’ obbligatoria la menzione  dell’autore- fotografo: Lia Pasqualino.
Set of “Il bambino nascosto” di Roberto Andò, 2020.
In the picture Silvio Orlando e Giuseppe Pirozzi.
Photo by Lia Pasqualino.
This photograph is for editorial use only, the copyright is of the film company and the photographer assigned by the film production company and can only be reproduced by publications in conjunction with the promotion of the film.
The mention of the author-photographer is mandatory: Lia Pasqualino

L’attore presenterà “Il bambino nascosto” di Roberto Andò giovedì 7 ottobre al cinema Astra (ore 21) 

Il film è stato presentato alla 78/ma Mostra del Cinema di Venezia.

Silvio Orlando, attore tra gli interpreti più rappresentativi del cinema italiano, sarà ospite del Lucca Film Festival e Europa Cinema, giovedì 7 ottobre, alle 21, al cinema Astra, per presentare “Il bambino nascosto” di Roberto Andò, film presentato fuori concorso alla 78/ma Mostra del Cinema di Venezia, una produzione Bibi Film TV con Rai Cinema, nelle sale italiane dal 4 novembre distribuito da 01 Distribution. Il film è liberamente tratto dall’omonimo romanzo (edito da La Nave di Teseo) dello stesso regista adattato insieme allo scrittore Franco Marcoaldi.

Silvio Orlando incontrerà il pubblico del festival e presenterà il film in cui interpreta Gabriele Santoro che vive in un quartiere popolare di Napoli ed è titolare della cattedra di pianoforte al Conservatorio San Pietro a Majella. Una mattina, mentre sta radendosi la barba, il postino suona al citofono per avvertirlo che c’è un pacco, lui apre la porta e, prima di accoglierlo, corre a lavarsi la faccia. In quel breve lasso di tempo, un bambino di dieci anni si insinua nel suo appartamento e vi si nasconde. “Il maestro – così lo chiamano nel quartiere – se ne accorgerà solo a tarda sera. Quando accade, riconoscerà nell’intruso, Ciro, un bambino che abita con i genitori e con i fratelli nell’attico del suo stesso palazzo. Interrogato sul perché della sua fuga Ciro non parla. Nonostante questo, il maestro, d’istinto, decide di nasconderlo in casa, ingaggiando una singolare, e tenace, sfida ai nemici di Ciro. Scoprirà presto che il bambino è figlio di un camorrista e che, come accade a chi ha dovuto negare presto la propria infanzia, Ciro ignora l’alfabeto dei sentimenti.  Silenzioso, colto, solitario, il maestro di pianoforte è uomo di passioni nascoste, segrete. Toccherà a lui lo svezzamento affettivo di questo bambino che si è sottratto a un destino già scritto. Una partita rischiosa in cui, dopo una iniziale esitazione, Gabriele Santoro si getta senza freni.

L’attore Orlando, tra gli altri, si inserisce in un quadro più completo degli ospiti di questa edizione del Lucca Film Festival e Europa Cinema, che proprio in questi giorni ha annunciato la presenza del maestro del cinema Sokurov.

Torna su